Menu & Search
6 cose da fare a Torino in primavera

6 cose da fare a Torino in primavera

cose-da-fare-a-torino-in-primavera

Che si parli dell’inverno più rigido mai registrato o dell’estate più tenace, non c’è stagione che non calzi a pennello su questa città: se il vestito più colorato lo indossa in autunno, nascosto tra le pieghe dei primi cappotti, è invece in primavera che dà il meglio di sé risvegliando le narici impigrite dai raffreddori invernali e cancellando quella patina opaca che ci copre la faccia durante i mesi passati in casa. Scongelate le giacche di jeans e i chiodi di pelle, è arrivato il momento di andare alla riscoperta di una Torino primaverile sotto una luce tutta nuova. Ecco tutte le cose da fare a Torino in primavera che ci piacciono di più!

cose-da-fare-a-torino-in-primavera

Cominciate con una pausa

Prima tappa del tour Bentornata Primavera: una bella tazza di caffè nel ritrovato dehor. Perché non esplorare allora le zone intorno alla Dora, dove il clima mite incontra le acque inquiete del fiume e sedersi all’aperto è un gesto quasi di ribellione. Per riscoprire il mondo fuori in maniera più graduale potete optare per una colazione o un brunch in serra: proprio quella di Café Bloom – ché tra piattoni ciccioni e centrifugati salutari riempirà le vostre pance e vi farà fare una bellissima figura su Instagram. A pochi passi si trova anche Laleo, che di dehor ne sa qualcosa, ma anche sul brunch & aperitivi non si fa dare lezioni da nessuno.

Café Bloom | Via Catania, 21/A
Laleo | Corso Verona, 38/E

cose-da-fare-a-torino-in-primavera

L’esplosione lentissima di un seme

Con la giusta carica di caffè e di calorie non necessarie siete ora pronti per andare in esplorazione. Dov’è che la primavera ha lasciato i suoi segni più evidenti? Nei viali alberati di Crocetta o forse in una insospettabile San Salvario, dove le chiome più accese rubano la scena al neon dei mini market? Enzo Mari diceva che un albero è l’esplosione lentissima di un seme: a Torino alcuni di questi sembrano esplodere quasi da un giorno all’altro e la città diventa un vero campo minato. Sconsigliamo questa tappa agli allergici al polline: saltate il turno e passate direttamente alla tappa successiva.

San Salvario | Via Claudio Luigi Berthollet, 13

Di Api e Aperitivi

Dopo la chiusura invernale e prima di riaprire ufficialmente i battenti il 14 Aprile, l’Orto Botanico di Torino organizza una nuova edizione del corso d’introduzione all’Apicoltura: tecniche di allevamento, lezioni sulla biologia delle api, produzione del miele e tutto quello che c’è da sapere prima di avvicinarsi in maniera consapevole al mondo dell’apicoltura. Se invece volete soltanto vedere gli effetti della primavera più da vicino potete semplicemente regalarvi una passeggiata all’interno della struttura (l’ingresso è compreso nell’Abbonamento Musei) o iscrivervi a una delle tante visite guidate organizzate dall’Orto. Coronate l’esperienza con una birretta senza troppi fronzoli sulle rive del Po proprio alle spalle del giardino: un paio di Peroni e due patatine al primo chiosco dietro l’angolo e il tramonto sul fiume è servito.

Orto Botanico di Torino | Viale Mattioli, 25

Bentornata Street Art

Se non vi siete accorti che durante l’inverno sono spuntati nuovi murales in città forse siete ancora in letargo. Stropicciate bene gli occhi perché mentre voi vi rotolavate tra le coperte una Camilla Falsini si aggirava furtiva in Via Cigliano e dipingeva con colori smoderatamente pop un omaggio alla prima femminista nonché prima scrittrice professionista della storia: Christine de Pizan. Un bel messaggio di uguaglianza di genere, promosso dall’iniziativa TOward 2030 di Lavazza. Sono tantissimi gli street artist che hanno lasciato il proprio segno a Torino: il primo che li colleziona tutti vince una caramella al limone.

Murals of Camilla Falsini | Via Cigliano angolo Corso Tortona

cose-da-fare-a-torino-in-primavera

Una giornata di attività

Se tutte queste novità hanno risvegliato in voi il sacro fuoco dell’attività fisica non avete più scuse per rimandare con la scusa del freddo: è forse arrivato il momento di lanciarvi e provare quella lezione di canottaggio che tanto vi spaventa? O forse è l’anno giusto in cui correrete una maratona? Qualunque sia il vostro buon proposito potete cominciare mettendovi alla prova con gli allenamenti di B-Camp, training outdoor ad alta intensità per cui vi servirà un solo attrezzo, il più potente: il vostro corpo! I più coraggiosi, invece, non dovranno perdersi la tappa torinese della 530 Run del 31 Maggio: una 5K da correre in città alle primi luci dell’alba, alle 5.30 per l’appunto. Se invece puntate ad un approccio più spirituale tenete d’occhio Semi di Yug: ricordiamo con piacere le lezioni di yoga outdoor dell’anno scorso e l’idea di ristabilire una connessione più profonda con la natura, sì, anche in città, ora è più importante che mai! E poi non c’è sensazione migliore del solletico del praticello fresco sotto i piedi.

Rowing class | Qualsiasi Società dei Canottieri lungo il Po
530 Run | Piazza Castello
Semi di Yug | Parco del Valentino

Arte e cultura in piena fioritura

Sappiamo che in primavera il rischio di pioggia improvvisa è dietro l’angolo: ecco allora rovinato ogni piano di picnic e passeggiate nel parco. Tranquilli, se proprio non volete restare chiusi in casa ma volete dare un senso al vostro sabato pomeriggio di aprile, sono tante le mostre d’arte che arriveranno in città tra un acquazzone e una ventata di polline. Da Maggio, la Palazzina di Caccia di Stupinigi ospiterà la mostra interattiva “Claude Monet – The immersive experience”, un’esperienza a 360 gradi in cui immergersi ed esplorare l’impressionismo da dentro il dipinto stesso. Alla GAM invece, inaugurerà ad aprile “Giorgio de Chirico: ritorno al futuro”, la mostra dedicata al grande artista che analizza il dialogo tra la pittura del maestro e gli artisti contemporanei dagli anni 70 alla Pop Art. F

Claude Monet – The immersive experience
Palazzina di Caccia di Stupinigi | Piazza Principe Amedeo, 7 

Giorgio de Chirico: back to the future
GAM | Via Magenta, 31

Cucina sì, ma di stagione!

E’ arrivato il momento della cena, dell’aperitivo, di quello che volete insomma. Spremete le ultime gocce di venticello caldo prima del tramonto riparati sotto la grande veranda di Eria, una delle terrazze più suggestive di San Salvario con le sue lucine e l’affaccio sulla Sinagoga. Per la cena optate per una proposta fuori dalle righe, e perché no, magari una cena vegetariana o vegana: è il momento giusto per uscire dalla vostra comfort zone e provare cose nuove a cui mai avreste dato una chance. Noi vi consigliamo Selezione Naturale, che in quanto a cucina vegetariana non ci ha mai mi mai fatto pesare la mancanza di carne e pesce. Ai più curiosi invece consigliamo Chiodi Latini, un esperimento ambizioso ma riuscitissimo e soddisfacente di cucina vegana. Ehi, lo so cosa state pensando, ma lasciate da parte i pregiudizi per un giorno e godete dei prodotti della terra che questa stagione ha protetto con tanta cura.

Eria | Via S. Pio V, 11
Selezione Naturale | Via Andrea Provana, 3/d
Chiodi Latini | Via S. Quintino, 33/C

E quindi uscimmo a riveder le stelle

Ma la ciliegina sulla torta di questo nostro primo articolo sulle cose da fare a Torino in primavera è lei, StarsBOX: una scatola delle stelle ospitata dal Rifugio Mongioie. Una casetta di legno rialzata da terra, grande abbastanza da contenere un letto matrimoniale con una caratteristica tutta speciale: un tetto apribile, per poter ammirare le stelle e ubriacarsi della tranquillità di un rifugio montano. Un nido a metà tra una tenda e una capanna, al riparo dalle luci e schiamazzi della città. Dopo le prime StarsBOX installate nell’estate 2018, il progetto si amplia quest’anno grazie alla creazione della Costellazione, una rete di casette sparse sul territorio italiano. Per la costellazione completa visitate il sito starsbox.it

Eventi da non perdere

Ci sono poche certezze nella vita ma come tutti gli appuntamenti fissi anche quest’anno ci sono eventi a cui è impossibile mancare:

Il Lovers Film Festival al Cinema Massimo (24/28 Aprile) – Film Festival
Il Torino Jazz Festival (26 Aprile – 4 Maggio) – Music Festival
Il Salone Internazionale del Libro (9/13 Maggio) – Book Market
Flor (24/26 Maggio) – Flower Market
Il Torino Pride (15 Giugno) – Gay Pride 


Illustrazioni © 2019 Arianna Cristiano