Camminando per le strade di Genova abbiamo incontrato tanti compagni di viaggio. Alcuni nati e cresciuti a Genova, altri arrivati da un po’ più lontano. Tutti con storie e prospettive diverse, ma con la voglia di condividere e raccontare sul blog Le Strade di Genova tutte le loro scoperte. Permetteteci di presentarci!

Ti piacerebbe lavorare con noi?

scopri come

Giulia

Ciao a tutti, sono Giulia! Torinese di nascita ma genovese da 8 anni. Sono consulente personale di crociera ma ho una passione, o forse meglio chiamarla fissazione per il cibo, il buon cibo. Mia sorella dice che penso solo a quello. Le sorelle maggiore hanno sempre ragione! I miei viaggi sono improntati sull’arte (altra passione) ma soprattutto sul cibo locale. Mi piace scoprire i gusti e gli odori di paesi lontani, ma anche semplicemente delle regioni italiane distanti dalla mia. Lontano da me chi mangia italiano all’estero! Amo i tramonti e il freddo. Davanti ad un piatto di lasagne la domenica potrei emozionarmi e adoro le passeggiate al sabato mattina. Mi piace la musica di tutti i generi e credo fermamente nei concerti vissuti nel parterre.

Cose senza cui non posso vivere | La colazione rigorosamente dolce, i miei occhiali da vista e la pizza il sabato sera con mia mamma.

Caffè preferito a Genova | Il caffè degli specchi è il ritrovo con le amiche liguri che mi hanno accolto appena arrivata a Genova. Caffè macchiato in tazza grande e l’atmosfera antica di una Genova decandente e romantica.

Strada preferita |Da buona torinese adoro la Foce, precisa e romana ma il centro storico ha il suo fascino. Via Ravecca per ora è al primo posto.

Cosa mi fa sentire genovese |La colazione con focaccia e caffè, una  passeggiata fino a Boccadasse e stabilire come luogo di incontro DEFFE.


Carola

Nata e cresciuta a Genova in una famiglia di architetti, sin da piccola ho  sviluppato l’amore per le arti visive: ancora non camminavo e già coloravo i progetti di papà! Ho proseguito studiando arte e disegno, coltivando la mia grande passione per la fotografia tra scatti, libri e mostre di qualsiasi tipo. Affascinata dal mondo dell’espressione personale, mi sono avvicinata allo yoga fino a diventarne insegnante. Come diceva un grande maestro “Lo yoga è eseguire ogni azione come un’opera d’arte”.

Cose senza cui non posso vivere | In ordine cronologico direi: il saluto al sole, la colazione pantagruelica ed il rimmel (molto yogico)!

Caffè preferito a Genova | La Libreria di Piazza delle Erbe, dove puoi gustare una super tazza di tè confezionato in adorabili bustine di tessuto (l’occhio vuole sempre la sua parte).

Strada preferita | Piazza Lavagna, con gli alberi in pieno centro storico, le case colorate e i tavolini dei locali: qui si respira un’atmosfera particolare e unica.

Cosa mi fa sentire genovese | Il vento, che ti porta via d’inverno ma è irresistibile d’estate, i gabbiani sul terrazzo (anche se da vicino fanno paura) e poter andare ovunque a piedi.


Chiara

Genovese dalle scarpe da ginnastica alla punta del cappello, lavoro come graphic designer in una software house incentrata sul turismo. Passo ore e ore al computer tra foto di luoghi incredibili, colori e font quindi nel week end amo trascorrere il tempo all’aria aperta tra gite in barca e lunghe camminate che fanno venire una gran fame. Alla sera ho la scusa per rimpinzarmi di cuculli e trofie al pesto (e qualsiasi altro cibo mi passi sotto mano, a dire la verità). Amo disegnare a mano libera e perfezionare la mia nuova passione per il lettering, adoro l’arredamento e vivrei tra mercatini dell’antiquariato e negozi di design moderno.

Cose senza cui non posso vivere | Il motorino, compagno fedele di mille avventure, mezzo per me ormai indispensabile per gli spostamenti in città e per correre al mare subito dopo il lavoro.

Caffè preferito a Genova | Il caffè con la crema al pistacchio e la panna agli Orefici dopo un pomeriggio per negozi.

Strada preferita | Nei caruggi Via di Scurreria che porta in piazza Campetto e a Les Rouge, uno dei miei locali preferiti. Fuori dal centro storico via della Scalinata, una creuza che da Boccadasse porta a capo Santa Chiara.

Cosa mi fa sentire genovese | L’amore incondizionato per le creuze con i mattoni, i veri tappeti rossi di Genova!


Elsa

Consulente d’Immagine con la passione per gli abiti sartoriali e per gli accessori vintage. Da bambina disegnavo abiti e la mamma li confezionava per me: altro che Gira la Moda! Leggo tanto, sottolineo e appunto: mi aiuta a prolungare il piacere delle parole ben dette. L’abbinamento più bello è quello del rosa col verde e mi sento a casa ovunque ci siano vino buono e vinili dai 60s ai 90s.

Cose senza cui non posso vivere | le mie #stupidwhitetshirt e le malcelate occhiaie.

Caffè preferito a Genova | La Pasticceria Liquoreria Marescotti, in Piazza Fossatello, con le torte buone e gli Amaretti di Voltaggio.

Strada preferita | Piazza delle Vigne – così chiamata perché una volta proprio lì sorgevano vigneti – è magica: ci trovi palazzi dei Rolli, una delle chiese più antiche della città, il bar coi tavolini fuori e sei a due passi dal Porto Antico.

Cosa mi fa sentire genovese | Non avere un grande senso dell’orientamento mi permette, dopo trent’anni, di perdermi ancora per le strade di Genova: mangio i vicoli con gli occhi, annuso i panni stesi al vento e la riscopro, tra aneddoti e abbracci, come un viaggiatore.


Alice

Mi chiamo Alice e vivo a Genova, ma sto già pianificando il prossimo viaggio. La mia macchina fotografica viene sempre con me, sia che decida di camminare col naso all’insù tra i grattacieli di New York o che voglia perdermi nel Souk di Gerusalemme. Nel tempo libero mi rifugio in libreria o in giardino a giocare col mio cane Sally. Sono maratoneta di serie tv e cintura nera di film in lingua originale. La pace dei sensi? The caldo, candele profumate e un pomeriggio passato a editare foto; ma anche un road trip improvvisato con gli amici alla scoperta dei borghetti più belli della Liguria.

Cose senza cui non posso vivere | L’eyeliner, un bullet journal, qualunque aggeggio scatti foto e un romanzo. Sta tutto nel bagaglio a mano.

Caffè preferito a Genova | Viganotti. Perché se l’espresso si beve in un minuto, i loro dolcini meritano decisamente più tempo.

Strada preferita | Scelta difficilissima! Via Garibaldi: punto d’incontro tra autoctoni e turisti, tra la Genova di rappresentanza e la Genova più autentica.

Cosa mi fa sentire genovese | L’aperitivo nelle piazzette strette tra i palazzi antichi, respirare l’aria salmastra nelle giornate ventose, orientarmi con destrezza tra i vicoli, poter comprare la focaccia a ogni ora del giorno (e della notte).


Edoardo

Sono un architetto libero professionista e collaboro con diversi studi di progettazione ed interni. Ho unito la mia passione per l’urbanistica alla fotografia: è nata così la mia pagina Instagram, improntata ad una visione personale delle città, in particolare a quella in cui vivo, Genova. Nelle mie foto catturo la realtà dell’ordinario urbano.

Cose senza cui non posso vivere | La pizza, la musica, la passeggiata della domenica nei vicoli.

Caffè preferito a Genova | Il caffè degli Specchi, elegante e unico nel suo genere.

Strada preferita | Vico Vegetti, rappresenta bene il centro storico, stretto, in salita, con i palazzi che respirano aria di storia e di luoghi vissuti.

Cosa mi fa sentire genovese | Mugugnare (ovvero lamentarmi).


All images Alice Evita Avanzi © 2019