Menu & Search
A bean-to-bar chocolate tour: la fabbrica del cioccolato di Guido Gobino

A bean-to-bar chocolate tour: la fabbrica del cioccolato di Guido Gobino

Mentre camminavo per Via Cagliari (per arrivare da Pᴧi Bikery per il brunch, naturalmente), mi sono spesso chiesta cosa fosse l’edificio dall’altra parte della strada, dove un murale mostra una donna con una borsa d’acquisto arancione e il messaggio, “Benvenuti nella capitale del cioccolato”. E ho scoperto che è la casa di uno dei migliori produttori di cioccolato della città, Guido Gobino, e che apre le porte al pubblico per visite guidate della fabbrica.

Alecia

Guido Gobino Fabbrica del Cioccolato a Torino
Via Cagliari 15/b | Turin

Lu – Ve | 8.30 – 12.30 / 14.30 – 18
Sa | 8.30 – 12.30

€18 per il tour della fabbrica, con inclusa la degustazione di cioccolato.
I tour sono per un minimo di 5 persone, ma se il tuo gruppo è più piccolo, cercheranno di unirti a un altro gruppo.

Guido-Gobino-Fabbrica-del-Cioccolato-a-Torino

Un’istituzione torinese

Esattamente come c’è scritto sul murale sul lato della fabbrica di Guido Gobino, Torino viene spesso chiamata la capitale del cioccolato d’Italia – la storia narra che la novità arrivò alle corti reali della città nel XVII secolo, dopo che il duca di Savoia, Emanuele Filiberto, aveva provato cioccolato ad un matrimonio in Spagna. Guido Gobino è uno dei produttori di cioccolato più prestigiosi di Torino; la fabbrica in Via Cagliari nella zona Aurora è stata acquistata dalla famiglia Gobino negli anni ’60, e ancora oggi qui tutti i loro prodotti sono realizzati a mano.

Guido-Gobino-Fabbrica-del-Cioccolato-a-Torino

Cioccolato, dalle fave alla barretta

Mentre la maggior parte delle marche di cioccolato in tutto il mondo lavora con prodotti di cacao già pronti per produrre le loro merci, esiste un movimento di cioccolatieri che crea cioccolatini artigianali fatti ‘bean to bar’. Questi produttori di cioccolato acquistano fave di cacao che sono minimamente trasformate, e poi trasformano le fave negli ingredienti che diventano poi il cioccolato che mangiamo.

Guido-Gobino-Fabbrica-del-Cioccolato-a-Torino

Questo è esattamente quello che vedrete durante una visita alla fabbrica di Guido Gobino – il tour comincia con uno sguardo alle materie prime – le fave di cacao secche – e poi passa alla macchina della granellatura che le trasforma in granelle di cacao (le fave di cacao arrostite e scheggiate) che vengono poi trasformate in cacao e burro di cacao. Sul livello sotterraneo della fabbrica, vediamo i cioccolatini in produzione – ci sono linee di produzione di gianduiotti, torrenti caldi di crema di nocciole piemontesi, e macchine super veloci che avvolgono i bocconi in fogli d’argento.

La storia dei produttori

Guido Gobino è ancora un passo avanti nell’acquisto delle fave di cacao, lavorando direttamente con i produttori di cacao di alta qualità per fare una selezione dei loro prodotti; l’acquisto di ingredienti non trasformati, direttamente dalle piantagioni di cacao, può contribuire a garantire paghe e condizioni di lavoro migliori per gli agricoltori di cacao. Alla fine del tour, una degustazione di cioccolato termina con un confronto di due cioccolati monorigini – uno fatto con il 70% di cacao dalla regione Chontalpa in Messico, che ha sapore fruttato e floreale; l’altro fatto con l’80% di cacao dall’isola di São Tomé e Príncipe, con un sapore aspro e fumoso.


All images © 2017 Alecia Wood