Menu & Search
Vintage Larouge | Il nuovo Vintage ’50 a Milano

Vintage Larouge | Il nuovo Vintage ’50 a Milano

Nuovo punto di riferimento per gli amanti del vintage a Milano, Vintage Larouge propone una selezione di pezzi dagli anni ’30 agli anni ’80, con un focus particolare sugli anni ’50. Un negozio dove tutti gli oggetti, provenienti da privati, si portano dietro un po’ delle storie di chi li ha posseduti e amati prima di noi.

Larouge
Via Gian Antonio Boltraffio, 16 | Milano


Ma – Sa | 10.30 – 14.00 / 16.00 – 19.30


Instagram | Facebook

vintage a Milano
vintage a Milano

Lara, proprietaria di Vintage Larouge, ha aperto questo negozio a giugno. Dopo 10 anni nel mondo del retail, ha deciso di far diventare la sua passione per il vintage un lavoro.

L’ispirazione dello spazio – ex palestra di yoga – si rifà alle boutique francesi di inizio Novecento. Cappelliere, una petineuse, un vecchio pianoforte, quadri, tende e divanetti, tutto lavora per portarci in un’altra epoca.

vintage a Milano

Non solo ‘quadro antico’

‘Tutto molto bello, ma io non mi vesto così’. Anche voi avete ragione, e Lara lo sa.

Per questo motivo, la sua abilità è proprio quella di riuscire ad aiutarci a mixare pezzi unici anni ’40 e ’50 con un armadio contemporaneo. “Non c’è bisogno di uscire da qui vestite come un quadro antico” mi racconta mentre io invidio la sua acconciatura da pin-up e il suo outfit d’altri tempi e inizio a pensare ad un cambio radicale di look.

Cosa ci trovo

Cambi radicali di look a parte. Da Vintage Larouge potete trovare dei bellissimi abiti da sfoggiare per un’occasione importante, con lavorazioni e materiali che ormai non si usano più. Se siete fortunate, inoltre, potreste trovare il vostro numero delle scarpe anni ’50 in perfetto stato; sappiate che di tacchi così comodi non ne troverete altrove.

Dedicate del tempo anche al cassettone al centro del negozio. Un vecchio mobile da merceria dove ogni cassetto si apre su delle stupende meraviglie, da corsetti e bustini ad una invidiabile collezione di bottoni.


All images © 2019 Cora Manzi