Menu & Search
Sale San Giovanni: un angolo di Provenza tra le colline delle Langhe

Sale San Giovanni: un angolo di Provenza tra le colline delle Langhe

In provincia di Cuneo c’è un piccolo borgo che profuma di Provenza. A Sale San Giovanni con l’arrivo dell’estate tra giugno e luglio i campi si colorano di viola per accogliere la fioritura della lavanda. Come sulla tela di un pittore, prende forma un mare viola che dondola accompagnato dal vento mescolandosi alle sfumature del cielo e ai colori della bassa Langa dando vita a uno spettacolo unico da vivere con tutti i sensi: vista, olfatto e gusto.

Sale San Giovanni
Informazioni sulla fioritura, sui trekking e sugli eventi:
Il periodo della fioritura varia ogni anno, vi consigliamo di consultare le pagine del Comune o il sito di turismo Sale San Giovanni per essere sempre aggiornati

Sito | Instagram | Facebook

Oltre a Instagram c’è di più

Complice la viralità di Instagram, negli ultimi anni, durante la fioritura della lavanda il comune è stato preso d’assalto dagli appassionati di fotografia e da nuovi turisti. Un incremento significativo per un comune di meno di 200 abitanti che ha portato l’amministrazione a regolamentare gli accessi e adottare limitazioni al traffico in particolare nei weekend.

Oltre a essere un borgo instagrammabile, Sale San Giovanni ha una storia ricca di fascino che affonda le sue radici in epoca romana ed è sbocciato nel tempo al ritmo delle stagioni, valorizzando la sua naturale bellezza. Tra le sue colline crescono diverse specie arboree – lavanda, elicriso, issopo, salvia (la fioritura è meno conosciuta ma altrettanto suggestiva), melissa, finocchio – una ricchezza che lo rende il secondo polo del Piemonte per la produzione di erbe officinali.

Non solo erbe a Sale San Giovanni

Per promuovere questo patrimonio naturale, ogni anno a fine giugno, si tiene la manifestazione “Non solo erbe”. Un evento per far conoscere i prodotti locali realizzati con le erbe officinali, dai saponi ai profumi, dalle tisane al miele e ai prodotti da forno, scoprire curiosità sul territorio attraverso escursioni e visite guidate all’Arboreto Prandi una zona di grande interesse botanico e alle coltivazioni di lavanda ed enkir, il cereale biologico più antico del mondo.

Se venite da queste parti quando non c’è la fiera, potete approfittare dell’occasione per scoprire i prodotti locali facendo visita alle aziende agricole della zona come: Cà de Sorìa che coltiva la lavanda da oltre 20 anni utilizzando il metodo dell’agricoltura biodinamica o La Costa. E magari prenotare un cestino per un picnic o un aperitivo al profumo di lavanda o immersi tra i girasoli.

Azienda Agricola Cà de Soria
Via Case Surie, 6 12070 – Sale San Giovanni CN
E-mail: info@fiordilavanda.com

Sito | Instagram | Facebook | Instagram

Azienda agricola La Costa
Telefono: 3389905958

Instagram

D’estate le temperature e l’afa non sempre si conciliano con le immersioni nella natura, ma per vivere fino in fondo il paesaggio il nostro consiglio è di approfittare dell’occasione per fare un’escursione diversa dal solito, percorrendo uno dei sentieri che attraversano la zona. C’è la possibilità di scegliere tra tre diversi itinerari percorribili a piedi o in mountain bike.

Dove mangiare a Sale San Giovanni

A Sale San Giovanni non ci sono tanti posti in cui mangiare. Nel borgo c’è l’Osteria delle Erbe dove si possono gustare piatti della tradizione piemontese, accompagnati da un buon calice di vino, ma nei periodi di maggior flusso turistico non è sempre facile trovare un tavolo o riuscire a prendere qualcosa da asporto. Il nostro consiglio è di provare a prenotare in anticipo o di portarvi il pranzo al sacco.


All images @ 2022 Matteo Martini