Menu & Search
Highlands on the road – 7 giorni in impermeabile

Highlands on the road – 7 giorni in impermeabile

La maggior parte delle persone, quando dici la parola “ Ferie/Vacanze “ s’immagina una calda giornata di Agosto, sotto l’ombrellone, con i piedi nella sabbia e un fresco Spritz in mano, forse è per questo che quando, parlando con amici, ho raccontato il plan per le mie vacanze non erano del tutto convinti; fredde, ventose, umide, piovose, grigie, spopolate, selvagge, impermeabile nello zaino, 7 giorni on the road nelle Highlands scozzesi.

Dove fare trekking | Glenn Affric National Natural Reserve | Isle of Skye | Gratuito
Cosa visitare | Talisker Distillery | 30€ visita + degustazione
Dove dormire | Io consiglio stanze private in case abitate | da 50€ a notte
Cosa portare nello zaino | Macchina foto, giacca impermeabile, scarpe da lòp

Torino è si una magnifica città, ma ammettiamolo, ogni tanto cambiare aria piace un pò a tutti, e allora siano santificati i siti di voli Low cost e la vicinanza con l’aeroporto di Caselle, che in queste occasioni, vengono in aiuto.

Confesso che l’idea di andare a visitare il nord della Scozia già mi balenava in testa da un pò, ma sembrava tutto lontano e difficile da raggiungere, e invece no, queste terre magnifiche sono lì, a due ore di aereo e a qualche centinaia di km da Edimburgo.

E così, una volta atterrati nella capitale, ci siamo precipitati ad affittare una Nano-Macchina rossa fiammante, ci siamo lasciati in fretta e furia il caos ( molto contenuto ) della città e abbiamo cominciato a viaggiare verso le terre a nord.

Verde a perdita d’occhio e alberi alti come palazzi

A mano a mano che risali la Scozia il paesaggio cambia e chilometro dopo chilometro le città diventano paeselli, i paeselli diventano case isolate e infine vieni inghiottito dal verde, esattamente quel verde delle foto su google quando digiti “ Highlands”; qui potete trovare nell’arco di un’ora di viaggio tutte le tipologie di paesaggio che cercate: pianura, foresta, collina, montagna, spiaggia, mare;

Io vi consiglio di attraversare il Parco nazionale di Cairngorm e dopo puntare dritti verso la costa ovest passando lungo il lago di Loch Ness, una volta raggiunto il mare vi troverete davanti uno spettacolo unico, rocce di 30 metri a picco sull’oceano che, grazie al meteo quasi sempre nuvoloso si tinge di un colore scuro, così diverso dai mari ai quali siamo abituati qui in Italia.

Isole Skye, una bellezza difficile da raccontare

Ovviamente una volta che siete sulla costa ovest è obbligatorio andare a visitare le isole Skye; qui la natura dà veramente il meglio di sé, e per chilometri si ha la possibilità di viaggiare su strade che corrono tutto lungo il mare passando per spiagge, colline verdi, gruppetti di case isolate e vere e proprie montagne.

Anche se uno spot un pò turistico, vi consiglio di andare a visitare l’Old man of Storr, un monolito di 55 metri che sembra, da sempre, li li per rotolare giù, uno spettacolo che va assolutamente visto con i propri occhi.

Poi ovviamente il vostro vermouth lo potrete portare a casa, il mio ce l’ho qua in bella vista, ed esibirlo alle cene con parenti e amici sperando in un ottimo risultato, e se così non fosse, la prossima volta vi consiglieremo un workshop di cucito o dècoupage, PROMESSO!

Spegnete il cellulare, le vere stories ve le racconta la gente del posto

Le persone qui sono cordiali, simpatiche e disponibili e sempre pronte a darti una mano in caso di bisogno o un’idea su come passare le giornate in Scozia, noi abbiamo preferito dormire da chi offriva una stanza in affitto in casa propria e lo abbiamo trovato un ottimo modo per risparmiare e allo stesso tempo scoprire cose non scritte sulle guide turistiche.

Parlando di cibo, contro ogni pronostico, devo dire che è stata una piacevole scoperta, la varietà di paesaggio crea delle grosse differenze culinarie da zona a zona, vi consiglio di non avere paura di provare piatti nuovi e se capitate dalle parti Talisker, fermatevi al “ The Oyster Shed “, una specie di street food di pesce pescato nella baia vicina, e mangiarvi una bella Aragosta e un piatto di ostriche fresche.

Se il grigio, il freddo e la pioggia non fanno per voi, forse la Scozia non è il vostro habitat naturale, ma non temete, Maria Chiara vi racconta come passare un weekend tutto diverso!


All images © 2017 Gianluca Bia