Quali mostre vedere a Torino a novembre 2019

Vi siete ripresi dalla settimana del contemporaneo di Torino? Siete sopravvissuti ad Artissima, e a D.A.M.A., e al Club2Club, e a tutto il resto? Complimenti! Avete vinto un altro mese di eventi imperdibili e di mostre che potete gustarvi a ritmo lento. Godetevi questo novembre torinese d’arte, e godetevi queste mostre! E ricordate: se andate a visitarne una o ne trovate qualcun’altra di speciale: taggateci sull’Instagram! @lilasupernova @lestradeditorino

#1 Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna guerriera in Giappone

Preparata alla difesa delle dimore, addestrata all’uso di svariate armi, alle battaglie campali e anche all’eventualità di darsi la morte: la donna guerriera (onna-bugeisha) è solo una delle protagoniste di “Guerriere del Sol Levante. La figura della donna guerriera in Giappone”. Perché sì, questa nuova mostra del Museo d’Arte Orientale di Torino considera certo la trama della lotta della donna nella storia del Giappone (e oltre), ma lo fa in modo molto più approfondito, sviluppandola in modo inedito. A dirla con le parole del MAO: “perché le donne hanno lottato nel tempo e nelle civiltà non solo con spade, alabarde, pugnali, archi e frecce: dal passato al presente, grazie al coraggio e alla creatività, hanno utilizzato altri tipi di attacco e difesa riuscendo a superare pregiudizi e impedimenti, nella letteratura, nell’arte, nel teatro, nella scienza, nella tecnologia, nell’esplorazione. Donne che con il tempo, talvolta silenziosamente e senza essere valorizzate dalla storia, sono riuscite a produrre significativi cambiamenti”. E queste gesta sono ricordate attraverso opere d’arte… e Manga! Emozionante.

MAO Museo d’Arte Orientale di Torino
via San Domenico, 11 | Torino
Fino al 1 marzo 2020


#2 Vivian Maier – In her own hands

Classe 1926, Vivian Maier ha lavorato tutta la vita come bambinaia nelle più grandi città americane. Ha vissuto con una passione per la street photography così viscerale – e con un occhio in grado di fissare per sempre sulla pellicola un attimo fuggente – che le è valso l’appellativo di antesignana di questo genere fotografico tanto amato da noi Stradari. Ma c’è un ma: Vivian Maier infatti non mostrava i propri scatti proprio a nessuno, anzi. Li viveva come se fossero una questione privata in un mondo intimo, segreto e nascosto. E come ci sono finiti oggi i suoi 100 suoi scatti inediti, in ritratto di scene di vita quotidiana e spontanea tra New York e Chicago, in esposizione nelle splendide sale della Palazzina di Caccia di Stupinigi? Questo è il bello della sua storia, che vi invito ad approfondire andando a visitare questa mostra!

Palazzina di Caccia di Stupinigi
Piazza Principe Amedeo 7|Stupinigi (To)
Dal 12 ottobre al 12 gennaio


#3 wo/Man Ray. Le seduzioni della fotografia

Scusatemi, lo so che è il mio lavoro, ma non riesco a descrivere a parole quella sensazione infinita di felicità che ho provato quando ho saputo della prossima mostra da Camera Torino: “wo/Man Ray. Le seduzioni della fotografia”. Il 17 ottobre le porte del Centro Italiano per la Fotografia si apriranno per accogliere le muse Lee Miller, Berenice Abbott, Dora Maar, e la compagna di una vita Juliet immortalate per sempre in circa duecento fotografie. Perché il tema della mostra già è lì, nel titolo della stessa: è la donna, intesa come centro della sua poetica, come fonte di ispirazione. Immaginatemi già lì, ad aspettare l’apertura dei cancelli in attesa di lasciarmi abbagliare dai suoi rayographs, le solarizzazioni, le doppie esposizioni.

Camera – Centro Italiano per la Fotografia
via delle Rosine, 18| Torino
Fino al 19 gennaio 2020


#4 Monet e gli impressionisti in Normandia. Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie

Claude Monet, Eugène Boudin e Auguste Renoir approdano ad Asti e noi siamo andati a visitarli a Palazzo Mazzetti tra una degustazione e l’altra del Douja d’Or – una delle manifestazioni legate al vino d’eccellenza tra le più importanti, e alla quale abbiamo partecipato proprio a Settembre. Il bello di questa mostra? Entri da Asti ed esci in una Normandia segreta, poco conosciuta, fonte di ispirazioni artistiche di estrema potenza che sono catturate per sempre tra una pennellata e l’altra delle 75 opere d’arte selezionate. Ah dimenticavo: Asti è a soli 30 minuti da Torino: quindi non avete scuse!

Palazzo Mazzetti
Corso Vittorio Alfieri, 357| Asti
Fino al 20 gennaio 2020


#5 Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia

La top 5 delle migliori mostre da visitare a Torino durante questo uggioso novembre 2019 si apre con una mostra dedicata all’estremo oriente (in sintesi, eh) e si chiude con una mostra dedicata a dei maestri dell’arte orientale. Quanto mi piace la circolarità di questi articoli! Fino al 16 febbraio se capitate nei pressi di Eataly per fare del sano food shopping (oppure indulgere in un pranzo o cena doverosamente gourmet), fate un salto nei luoghi più suggestivi del Giappone, reali e immaginari raccontati attraverso 100 straordinarie silografie di grandi maestri come Housai, Hiroshige e Hasui. O, più semplicemente, fate un salto in Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli. Avete tempo fino al 16 febbraio!

Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli
Via Nizza, 230/103 | Torino
Fino al 16 febbraio