Menu & Search
Social innovation | 3 fuochi vivi a Torino

Social innovation | 3 fuochi vivi a Torino

Parlando di Smart City in questi 2 anni sono finita in posti eccezionali. Sapete quando in un giorno qualunque, nel momento che non vi aspettate, dalla persona che non vi aspettate, esce una massima di vita che torna a darvi un sacco di speranza? Ecco, eccezionali per un motivo simile. Eccezionali perché ricchi di storie che mi hanno cullato in sogni meravigliosi del futuro sul pianeta Terra. Eccezionali perché mi hanno dato un boost di emozioni. Eccezionali perché ogni idea era pensata per migliorare qualche aspetto della vita. Il filo conduttore: tutti centri di innovazione sociale.

SocialFare |Via Maria Vittoria, 38 – Torino
Open Incet | Piazza Teresa Noce, 17 – Torino
Nesta Italia | Via Maria Vittoria, 38 – Torino

SOS Google: che cos’è l’innovazione sociale?

Definiamo innovazioni sociali le nuove idee (prodotti, servizi e modelli) che soddisfano dei bisogni sociali (in modo più efficace delle alternative esistenti) e che allo stesso tempo creano nuove relazioni e nuove collaborazioni. In altre parole, innovazioni che sono buone per la società e che accrescono le possibilità di azione per la società stessa.

[Libro bianco sull’innovazione sociale – R. Murray, J.Caulier Grice e G. Mulgan]

Le righe più gettonate sono sicuramente queste. E come dare torto a chi le usa! Però io (e migliaia di persone che ci hanno già provato) una definizione tutta mia non ve la so dare quindi vi faccio degli esempi di realtà di social innovation che ho conosciuto in giro per Torino per consolidare il concetto.

  • La startup Wher, che mappa le strade delle città italiane in termini di sicurezza
  • La piattaforma Speak, che vuole creare legami tra le persone offline mentre si impara una lingua (anche) online
  • Lo spazio di coworking Impact Hub, che è un luogo per lavorare, imparare e migliorare la propria impresa sociale
  • L’associazione Urban Center Metropolitano, che informa i torinesi sulle trasformazioni della città, organizza le UrbanEsplorazioni (per esempio dei cantieri della nuova linea 2 della metropolitana)
  • La non profit Hackability, un progetto unico che mette al centro i bisogni delle persone con disabilità

Dove trovo la social innovation a Torino?

Ogni settore, dalla formazione alla mobilità sostenibile, è buono per far nascere un’idea ad impatto sociale pazzesca. A Torino alcune delle collezioni più vivaci e molti degli esempi che vi ho appena raccontato sono raccolti in questi 3 fulcri di attività scoppiettanti.

Social Fare

Via Maria Vittoria, 38 | Torino
+39 39317118264
Website | Facebook

Il primo centro a Torino e in Italia dedicato in toto alla social innovation. Incubatore di imprese ad impatto sociale, promotore di novità e conoscenze, ospita numerosi eventi dedicati al tema ed è sede di molte di startup all’interno della sua struttura Rinascimenti Sociali (tra cui Wher, Barot e Sella Lab). SocialFare è un fuoco vivo per l’innovazione sociale a Torino dove tecnologie, design, mentoring e social finance convergono per creare nuovi servizi e prodotti. 

Open Incet

Piazza Teresa Noce, 17 | Torino
info@openincet.it
Website | Facebook

Social innovation a Torino
Social innovation a Torino

Il regno della open innovation , un luogo ricco di storia e pieno di novità. Open Incet sorge sulle ceneri della vecchia fabbrica di cavi elettrici Incet in piena Barriera. Che cos’è Open Incet…è un luogo fisico, un centro dove si incontrano realtà come Impact Hub e Izmade, è una piattaforma dove nascono progetti e idee dedicati ad aumentare le conoscenze e a sensibilizzare la città di Torino sul tema. Open Incet però si occupa soprattutto di creare occasioni di incontro tra attori nazionali ed internazionali del settore. Ogni anno organizza ad esempio il summit OIS sull’open innovation che quest’anno tratterà il tema “Città come piattaforma” con ospiti provenienti da tutto il mondo. 

Nesta Italia

Via Maria Vittoria, 38 | Torino
info@nestaitalia.org
Website | Facebook

Una fondazione dove tutto il know-how di tecnologie e innovazione è dedicato in particolare al mondo dell’istruzione, dell’arte e del patrimonio culturale, delle comunità del futuro e della salute. Nasce come “figlia” di Nesta, una famosissima organizzazione filantropica britannica che, dal 1998, opera a livello globale per cambiare il mondo in meglio. 

Social innovation all’interno delle smart city

In fin dei conti dentro una smart city possiamo mettere tutte le tecnologie e le infrastrutture innovative del mondo, ma il nocciolo della questione rimane solo uno. Migliorare. Migliorare la qualità di vita, i servizi e l’ambiente che ci circonda. Non sorprende che l’innovazione sociale occupi quindi una fetta gigante nel progetto Torino City Lab. Perchè? Nel 2017 l’Italia era terza per numero di organizzazioni di innovatori sociali, secondo il report di Nesta, dopo Gran Bretagna e Francia. Invece, secondo un articolo dell’ANSA, nel 2018 le attività dedicate all’innovazione sociale erano circa 1900 solo in Piemonte, tra non-profit e imprese sociali, circa 80% in più rispetto a 15 anni fa. Chissà cosa dobbiamo aspettarci per la fine di questo 2019!


All images © 2019 Virginia De Faveri