Menu & Search
Tonatto Profumi: un approccio antropologico all’arte profumiera

Tonatto Profumi: un approccio antropologico all’arte profumiera

Diletta ha occhi grandi che ti sanno leggere. Un viso che ride sempre su cui starebbe benissimo una frangia alla francese. E ha la vita che le scorre dentro. Appena si siede per la tua consulenza profumo gli elettroni si allineano e anche il tuo mondo interiore sembra prendere il controllo.

Non gliel’ho chiesto. Ma se le avessi chiesto qual è il suo posto nel mondo, Diletta avrebbe probabilmente risposto d’istinto il Messico. O l’India. O la Nuova Zelanda. Ma poi si sarebbe fermata. Mi avrebbe sorriso arricciando la parte destra delle labbra. Mi avrebbe guardata. E probabilmente detto ‘Qui. Questo è il mio posto nel mondo. Tra essenze. Profumi. Nasi. E filtri. Tra le opere d’arte che creo con i profumi. Nel mio laboratorio e nella mia Torino dove dopo tanti anni ho ritrovato me stessa’.

E si vede che si è ritrovata. Si vede che ha viaggiato. Si vede che è stata lontano (mentalmente e fisicamente). E che il percorso che l’ha portata qui è stato tortuoso. È quel percorso che ora rende tutto così emozionante. E. Speciale. 

Lo annusi subito quando entri in questa piccola boutique. Lo annusi subito quando le chiedi di raccontare. Te lo porti addosso per ore dopo essere uscita.

Diletta non lo sa, ma ha fatto brillare una giornata davvero nera di qualche mese fa. Mi sono distratta guardando i suoi gesti e ascoltando i suoi racconti. Abbiamo riso raccontandoci del trash che ci piace accogliere nella vita. E ci siamo commosse al pensiero di quanta forza ci voglia per scegliere la consapevolezza. Io quel giorno sentivo un peso schiacciarmi e non lasciarmi andare. Lei l’ha sollevato per un momento e mi ha fatto pensare che fosse possibile spostarlo. E io per questo gliene sarò sempre incredibilmente grata. 

Galleria Olfattiva Tonatto Profumi
Via della Rocca 14c | Torino

Prenota l’esperienza ‘Crea il tuo profumo’

Sito | Facebook | Instagram

Un approccio antropologico all’arte profumiera

Non ci pensiamo mai a quanto sia importante l’olfatto nella nostra vita. A come ci portiamo dentro per tutta la vita il profumo dei maglioni di papà quando lo abbracciamo. O quello del primo smalto che ci ha insegnato a mettere mamma. Sì, quello con i brillantini. L’olfatto ci spiega Diletta é il senso dell’integrazione, ci permette di sentire il mondo dentro di noi, e noi nel mondo. In un flusso continuo, connette la ragione all’istinto e ci mostra un meccanismo armonico in cui le emozioni evocate sono preziose.

Creare il proprio profumo, o meglio il proprio ritratto olfattivo

Probabilmente ci si immagina che creare il proprio profumo sia qualcosa di incredibilmente superficiale e vanitoso. Ci si siede, si annusano un po’ di essenze e si sceglie quella che ci piace di più. Una cosa semplice che tocca la superficie delle cose.

Ma quanto di noi si nasconde dietro al fatto che un essenza o un profumo ci piaccia o meno? Perché ci piace l’odore della cenere e quello del metallo? E perché invece detestiamo l’iris e la foglia di pomodoro? È tutto legato al nostro vissuto. A quello che ci portiamo dentro. L’odore di mare ci piace perché lo associamo alle vacanze da bambini. O forse andavamo in montagna e allora vorremo riempire i polmoni di erba appena tagliata. Creare il proprio profumo vuol dire entrare in contatto con sé stessi e scoprire attraverso il percorso che Diletta Tonatto e Margherita Mallarino ci faranno fare le proprie note olfattive identitarie. È un percorso psicologico che ci permette di percepire integrazione ed armonia.

Il mio ritratto olfattivo è fatto di foglie di limone e ginepro. Di mare e di ambra. Di cenere e zafferano. Di petitgrain e di ribes. Farlo è stata davvero una scoperta incredibile. Sono arrivata dicendo non mi piacciono i profumi speziati e poi ho amato l’ambra. Sono arrivata pensando di volere un profumo fresco e armonico, mi sono ritrovata nella prima versione del mio profumo con un profumo estremamente intenso e appuntito che poi abbiamo ammorbidito man mano con note di ribes e rosa, che mai avrei pensato mi piacessero. È stato effettivamente un viaggio incredibile dentro me stessa e la scoperta di come mi vedo e come invece sono.

Galleria Olfattiva Tonatto Profumi

Ma da Tonatto troverete anche profumi già creati per voi. Essenze per la casa e creme per il corpo. L’ultima nata è la Creme Rosé pensata per la Festa della mamma. Un bouquet di petali di rosa morbidi e succosi introdotti da una goccia di sale e accompagnati da un avvolgente sandalo australiano.

L’approccio di Diletta all’arte profumiera è altamente inclusivo. Bisogna iniziare a step e a livelli nella creazione della propria essenza. Dal bagnoschiuma per esempio che lascia una scia leggera sulla pelle. Che poi possiamo stratificare con la crema per il corpo. Ma anche i profumi per i tessuti ci aiutano; possiamo portarli sul cappotto così come sulla nostra sciarpa preferita. E poi successivamente possiamo usare Eau de parfum per completare la nostra nota di profumo.


All images © 2022 Fabio Rovere e Filippo Racanella

Ti piacciono le foto e vorresti usarle per raccontare la tua attività? Clicca qui e scopri come!