Menu & Search
Artisti di Milano: Matteo Negri | Deeply superficial

Artisti di Milano: Matteo Negri | Deeply superficial

Una mappa del mondo ‘disegnata’ su uno sfondo di LEGO bianco, con i continenti drappeggiati tra le “manopole” come intonaco di vernice, adorna il muro del mio ufficio (condiviso) a Milano. È una delle prime opere dell’artista milanese Matteo Negri. Sono fortunata a vederla tutti i giorni!

Ma tutti possono godersi il ​​suo lavoro ogni giorno. Una delle sue sculture a base di LEGO è avvolta attorno a un pilastro del grattacielo che ospita la Regione Lombardia. Se cerchi bene, puoi vederla dall’esterno dell’edificio. Anche a Lugano, non troppo lontano da Milano, puoi imbatterti in una delle sue opere: una grande sfera da leggere, ospitata in un cortile pubblico di fronte al LAC (museo di arte contemporanea). Il lavoro di Matteo è di solito molto colorato e consiste principalmente di sculture, installazioni e opere d’arte murale, così è scritto sul suo sito web. Ma chi è questo signor Negri o Teo per gli amici?

Artisti di Milano: Matteo Negri

Negri ci dà il benvenuto nel suo studio a Milano. Comincio illustrandogli il blog online “che presto diventerà famoso”: Le Strade di Milano e gli confesso che il mio rapporto con l’arte è “profondamente superficiale”. Matteo scappa per scrivere questa strana combinazione di parole perché gli piacciono le superfici e tutto ciò che nascondono. Capisco immediatamente che entrambi prendiamo molto seriamente le cose in prospettiva.

Certo, non intendo che io sia, o che tu sia (come lettore) superficiale, ma solo che non mi avvicino al soggetto dell’arte come esperta, perché non lo sono. Adoro guardare l’arte, essere sorpresa o toccata da essa e sentire di aver capito l’idea. Inoltre, mi piace quando l’arte è ‘bella’ (ups, lì abbiamo la parte superficiale). Ma ora scopriamo di più su Negri.

Artisti di Milano: Matteo Negri

Come descriveresti il ​​tuo rapporto con Milano?

“Sono nato e cresciuto qui, e ho studiato all’Accademia di Belle Arti di Brera. Anche se ho viaggiato in tutta Europa per lavoro, ho sempre avuto la mia base a Milano. Mi piace davvero questa città, le cose accadono qui. La gente viene da tutto il mondo per vedere il tuo lavoro, ci sono molte gallerie e commercianti, è un bel posto, anche per un artista.”

Ho letto del tuo lavoro che il tuo punto di partenza è sempre un oggetto reale, che poi liberi dal loro normale utilizzo, come i mattoncini LEGO che hai usato in passato.

“Non sempre, ma molte volte ho iniziato da oggetti che sono comunemente conosciuti o percepiti dalle persone in un certo modo. Poi comincio a manipolarli e dare loro uno scopo diverso. Non “di per sé” migliore o peggiore. Creo solo la mia prospettiva di un oggetto comunemente noto. Come i LEGO, probabilmente lo sappiamo tutti da quando avevamo 8 anni e costruivamo le città con esso. Quindi, abbiamo sempre considerato le strutture LEGO dall’alto. Ecco perché ho scelto di metterlo su un muro.

Gli schemi di colori e le strutture sono ispirati a Mondrian. È sempre riuscito a creare una sorta di “pace” e ordine con i colori. Per me è tutto incentrato sull’immagine, sul visivo.”

Parti da un concetto avendo già in mente cosa vuoi creare o sviluppi il concetto durante il processo di creazione?

“Beh, può succedere, ma può anche evolversi. Ho iniziato nel 2005 a fare ceramiche alla scuola d’arte e stavo creando una specie di ceramica che sembrava una bomba sottomarina. Poi ho iniziato a dipingerli e costruire l’architettura all’interno. Come piccole città. Da lì ho iniziato a sperimentare altri materiali e cose, come i LEGO. Da cui puoi anche costruire piccole città. Il passo successivo è stato manipolare i LEGO. Le idee possono evolversi, crescono così. Ma ad esempio per il lavoro commissionato nell’edificio della Regione Lombardia, sono partito da un’idea. Volevo creare una sorta di arco o una corda avvolta sui pilastri.”

Un sacco di lavoro può o potrebbe essere visto in spazi pubblici. Se indaghi sul ruolo delle opere d’arte “pubbliche”, qual’è la tua conclusione?

“Secondo me, quando metti l’arte nello spazio pubblico di una città, le persone dovrebbero interagire con essa e capirne il significato. E ho imparato che è molto difficile. Come i grandi nodi che ho fatto per Parigi, che sono stati posizionati in cinque grandi piazze a Parigi. Tutti li amavano, non era questo il problema. Poi li ho trasferiti a Genova e anche qui alle prime persone erano ohhh e ahhh, ma dopo l’oohh e ahhh che cosa è l’uso di questa opera d’arte? In questo caso le persone non erano solo felici del pezzo artistico, ma anche di come si relazionava con la città.”

Artisti di Milano: Matteo Negri

Questo è anche ciò che provi con il navigatore? Il tuo lavoro attuale che ora può essere visto a Roma.

“Sì. Il Navigatore è iniziato come una performance. Questa scultura riflette il cielo e il terreno, rispecchia l’ambiente circostante. Non puoi vederci dentro, solo quando vieni davvero, molto vicino. Puoi pensare ad esso come una cartolina in cui l’orizzonte è sempre nel mezzo.

Spostiamo costantemente il “Navigatore” in luoghi diversi e poi ne facciamo delle foto. A Roma sta viaggiando dentro il grande parco intorno a Villa Borghese e all’interno della Villa è possibile vedere le foto del suo viaggio. Vedere cambiare le stagioni, cambiare l’ambiente, ecc.”

Artisti di Milano: Matteo Negri

Il tuo lavoro si riferisce anche alla solidità delle immagini, passando sui nostri schermi telefonici con grande velocità? Lo vedi e poi se ne va di nuovo, come se il navigatore non restasse mai in un posto solo.

“In questi tempi veloci, l’immagine viene sempre prima del contenuto. Ciò ha una grande influenza sul mondo dell’arte. Nel mio lavoro Piano Piano, dove lavoro con i riflessi, potresti dire che è un po’ come rallentare e tenere i piedi per terra. Piano significa piano, ma anche piano / terra. Diciamo “inserendo” il terreno nell’orizzonte e utilizzando i colori e i riflessi, ho creato nuove profondità e livelli. Devi godertelo lentamente.”

Hai mai qualche idea estetica quando lavori? O non ti interessa affatto se un lavoro è ‘bello’.

“Mi interessa molto! Non è la mia ragione principale per fare un’opera d’arte. Ma voglio creare cose visivamente interessanti, almeno dal mio punto di vista. Quindi sì, l’estetica gioca un ruolo nel mio lavoro di sicuro.”

Quando potremo vedere ancora un po’ del tuo lavoro a Milano?

“Non ne ho idea, pensiamo di far viaggiare il “Navigatore” in diverse città. Per poter cambiare anche l’ambiente che fotografiamo ecc. Quindi, chi lo sa!”

Quando Matteo ci mostra di più del suo ultimo lavoro, ‘Riflessi riportati’ (parte del progetto ‘saluti da Marte’, come Piano Piano) li chiama ‘disegni’. All’inizio, non capisco come mai questi lavori possano essere ‘disegni’. Ma poi ci mostra come usa pezzi molto grandi di “grafite” (l’anima della matita) per creare ‘Riflessi riportati’. Creare questo tipo di pezzi richiede sicuramente molta abilità e sforzo fisico. Matteo ci racconta che per la realizzazione delle sculture da parete di LEGO ci vuole almeno un mese. “Ma mi piace che la gente non sappia quanto tempo ci vuole, riguarda l’immagine”.

Ci sono nuovi talenti a Milano che dovremmo vedere o con cui dovremmo parlare, o c’è un lavoro che tutti devono vedere?

“Si certo! Ci sarà una mostra di due artisti che mi piacciono molto, in Via Ventura dal 15 maggio: Giulio Zanet e Isabella Nazzarri | Interferenze. Ti consiglierei di andare a vederla.”

Quali sono le prospettive, cosa possiamo aspettarci da te in futuro?

“L’Expo di Roma sarà aperta fino al 10 giugno nel Museo Bilotti. Dopo quello … Continuerò così e vedremo. Sono troppo anziano per pensare al futuro” scherza Matteo.

Ancora una domanda per finire. Dato che siamo una specie di blog ‘lifestyle’, mi piacerebbe davvero sapere qual è il tuo posto preferito a Milano?

“Mi troverete al Parco Nord quando il tempo è bello, mi piace far correre i bambini, c’è un bel lago, mi piace molto rilassarmi negli spazi verdi di Milano e anche la passeggiata dalla Triennale in Viale Pietro e Maria Curie è fantastica, Milano diventa improvvisamente un po’ altalenante e ci sono alcune strade davvero belle da attraversare, a volte vado lì anche solo per fare una bella passeggiata.”

Matteo: “Posso offrirti un caffè?”Saliamo al bar dietro l’angolo del suo studio, dove l’aperitivo del venerdì pomeriggio è iniziato subito dopo pranzo, a giudicare dallo stato degli allegri ospiti abituali. Profondamente superficiale, ma l’ho adorato.

Per acquistare il lavoro di Matteo:
Lorenzelli Arte, Corso Buenos Aires 2, Milano


All images © 2018 Pietro Dipace