Menu & Search
Artisti di Milano: TAWA16K & DADA

Artisti di Milano: TAWA16K & DADA

Gli scritti sul muro

La prima volta che ho visitato Milano sono rimasta colpita dalla quantità di graffiti che vedevo in giro. Non avevo mai visto così tanti muri di una città ‘decorati’ con queste scritte e avevo l’impressione che Milano fosse molto meno bella di quanto potesse essere in realtà. Sebbene io possa apprezzare davvero un murale ben fatto, non avevo mai capito questi scarabocchi terribili.

Quando ho avuto la possibilità di fare una visita guidata con due noti artisti di strada o “writers” di Milano; TAWA16K e DADA, non potevo perdermela! Finalmente avrei potuto chiedere perché Milano è così piena di questa “roba”.

La nostra passeggiata parte da Porta Genova, dove entriamo direttamente nel vivo: il Naviglio, un’area nota per essere piena di graffiti. TAWA16K spiega che ha iniziato facendo questo tipo di scritte sui muri, solo del suo nome, per sviluppare una sorta di scrittura a mano, uno stile tutto suo. Quando ha iniziato, negli anni’ 80 ovviamente la città non era così piena di graffiti. “C’erano un sacco di spazi su cui scrivere. Ora in alcuni posti ci sono solo troppi schizzi di artisti principianti, ma il dilemma è che devi iniziare da qualche parte. Molti scrittori si fermano dopo un po’ di confusione, altri continuano e sviluppano il loro stile, a volte persino cambiano tela, o lasciano i ‘muri’ per sempre per diventare rapper“, spiega Tawa. Io: “Un rapper ???” Risulta che queste sottoculture creative sono molto connesse (nate dallo stesso movimento) e si influenzano a vicenda.

TAWA16K

Facebook | Instagram 

Strade di Milano dove vedere lavori di Kawa, Dada e il loro gruppo:
Via Magolfa | Parco Baden-Powell | Via Enrico Schievano | Via Malaga | Viale Cassala | Alzaia Naviglio Grande e molte altre..

Un ringraziamento speciale a @milanosguardinediti per aver organizzato la visita guidata!

Artisti di Milano: TAWA16K & DADA
Artisti di Milano: TAWA16K & DADA
Artisti di Milano: TAWA16K & DADA

Scrittura contro pittura

Perché sto parlando di scrivere e non di dipingere? Tawa spiega che si tratta di diverse discipline di ‘arte / graffitismo’. Gli scrittori “scrivono” il loro nome in diversi modelli e colori. È spesso così grafico e astratto che non riconosco il nome ma deve sempre esserci in qualche modo. Per i dipinti murali vengono usati anche i pennelli, di solito applicati su una base di spray e non si tratta di scrivere il tuo nome. A volte per i dipinti viene utilizzata anche la proiezione. Ma a TAWA16k non piace così tanto, dice che è troppo facile.

Tawa e Dada ci portano in Via Magolfa dove è presente un muro lunghissimo e pieno di wall-art. E in questo caso merita davvero questo nome (arte) secondo me! È stato creato dal gruppo di cui Kawa e Dada fanno parte e che è attivo in zona Naviglio / Around Richard. Diversi strati e stili sono mischiati insieme su un muro colorato, che – se ti soffermi a guardarlo con attenzione – ti fa scoprire cose sempre nuove. E ‘termina’ (o inizia) con un ritratto in bianco e nero di un famoso poeta di questa zona di Milano.

Regole “non scritte”

Ci sono molte ‘leggi’ non scritte nel mondo degli artisti dei graffiti“, ci racconta TAWA16K.

Ad esempio, non scrivi su luoghi in cui è difficile da rimuovere (come le porte di legno) o su edifici monumentali o storici. Inoltre, dovresti lasciar stare il lavoro degli altri.

Durante la nostra passeggiata ci imbattiamo in molti esempi di luoghi in cui gli scrittori hanno danneggiato il lavoro degli altri scrivendoci sopra o scegliendo luoghi impossibili da pulire. Vedo che Tawa non è molto contento di questo tipo di azioni dei colleghi writers. “Inoltre, non scriviamo mai messaggi politici. Li vedi in giro e le persone che li scrivono non sono sicuramente writers o graffitisti. Ai vecchi tempi, quando ho iniziato (anni ’80), chiedevamo il permesso al proprietario di un posto se volevamo creare una grande scrittura, avremmo scelto una brutta porta di un garage o un muro vuoto in un posto che aveva bisogno di un po’ di colore o qualcosa del genere. Rendevamo il luogo più bello. Ricordo che una volta è addirittura arrivata la polizia chiedendoci se potevamo aggiungere un bel logo della polizia al pezzo“. Tawa spiega con un grande sorriso.

Artisti di Milano: TAWA16K & DADA
Artisti di Milano: TAWA16K & DADA

Milano è “piena”

Ormai ci sono così tanti writers che tutto lo spazio milanese è pieno. Alcuni anni fa la città ha introdotto il progetto ‘100 muri liberi’, che assegnava i posti dove scrivere. Inoltre, questi sono ora tutti dipinti / scritti e non c’è alcuna politica per muri nuovi o per esempio per pulirli ogni tanto, per dare spazio a nuove opere. Inoltre ci sono diversi gruppi di artisti di graffiti in città che sono abbastanza territoriali, non in modo aggressivo, ma ci piace scrivere nella nostra ‘area personale”‘, per sviluppare uno stile per il nostro quartiere“.

Artisti di Milano: TAWA16K & DADA

In quale luogo o su quale muro vorresti scrivere?

Come ho detto, non è tanto su quale muro ma si tratta più dei quartieri di gruppi di writers e graffitisti, questa è la nostra zona, ed è qui che mi piace lavorare, quindi, se mi dai un muro libero dall’altra parte della città non funziona per me“.

Continuiamo il nostro percorso passando davanti a diverse opere creative colorate che rendono davvero i muri su cui sono scritti molto più belli. Ad esempio, dietro l’Esselunga (Viale Cassala / Via Enrico Schievano) o sotto il ponte (Via Enrico Schievano/ Via Malaga). Questi lavori sono tutti regolari e incredibilmente colorati, e migliorano davvero questi luoghi grigi e scuri. Tawa mostra un muro su cui lui e la sua squadra, anche giovani artisti, lavorano per sviluppare la propria “scuola” o lo stile della firma. Ultimamente stanno sperimentando anche con stili di scrittura asiatici. Alcuni dei pezzi mi ricordano i disegni dei cartoni giapponesi. Si riesce davvero a riconoscere un certo stile.

In un certo senso rappresentano o cercano di creare un movimento nel mondo dell’arte (dei graffiti), collegato a una sottocultura. Anche nel passato i “nuovi” movimenti artistici non sempre erano amati o riconosciuti e spesso hanno ottenuto un nome perché gli è stato assegnato da un critico d’arte, come il cubismo o l’impressionismo.

Ma per i graffiti quel periodo ha avuto probabilmente luogo negli Anni 80 / 90 mentre oggi i graffitisti hanno superato il “momento in cui si combatteva lo status quo“. Quindi quale direzione imboccheranno i graffitisti come”movimento”?

Passando per ‘Via Malaga’ andiamo allo studio di TAWA16K dove ci mostra la sua opera su tela, che è stata esposta in diverse mostre, non solo in Italia. Come ha detto prima: a volte gli scrittori passano alla tela. Tawa l’ha fatto, non senza merito.

La coppia, Dada e Tawa, spera di iniziare un corso di arte / scrittura nel loro studio dopo l’estate. Insegneranno le basi della scrittura e dell’arte murale prima di andare in strada. Quando chiedo se sono”troppo vecchia” per unirmi a loro, mi spiegano che non devi avere 17 anni per iniziare a scrivere, anche DADA non ha iniziato così giovane.

Mi piace molto la loro idea del corso. Forse iniziative come questa sono un passo nella direzione per risolvere il problema dell’enorme quantità di scarabocchi in tutta la città. Capisco che bisogna partire da qualche parte, ma così com’è ora sta danneggiando la città e, in un certo senso, anche la comunità dei writers.

Inoltre, potrebbe essere un modo per ripensare il concetto dei graffiti, per trovare nuovi modi e idee. Iniziando nel “modo sbagliato” (dalla tela ai muri). Perché no?


All images © 2018 Simone Sangalli