Menu & Search
Andare o non Andare: Interferenze, un’esperienza ‘slow-art’ alla ricerca degli artisti italiani a Milano

Andare o non Andare: Interferenze, un’esperienza ‘slow-art’ alla ricerca degli artisti italiani a Milano

Nella mia ricerca dell’arte contemporanea a Milano ho ovviamente trovato la Fondazione Prada e l’Hangar Bicocca. Luoghi davvero forti con molte opere di artisti rinomati in tutto il mondo. Una città metropolitana ha bisogno di opere d’arte di fama mondiale, giusto? Forse sì, ma dove sono gli italiani? Dobbiamo andare fino a “Documenta” a Kassel, in Germania, o alla “Biennale di Venezia” per trovarli? Sicuramente cercherò di non perdere mai questi eventi ma c’è molto da scoprire anche a Milano!

Galleria Monopoli (and others)
Via Privata Giovanni Ventura 6
Prezzo | Gratuito

Instagram of the artists: @isabellanazzarri & @giuliozanet

Su consiglio di un amico artista faccio un giro nel quartiere di Lambrate di sabato pomeriggio per vedere la mostra di 2 giovani artisti italiani emergenti che vivono e lavorano a Milano: Isabella Nazzarri (Livorno 1987) e Giulio Zanet (1984, Colleretto Castelnuovo, Torino)

artisti italiani a Milano

Via Ventura 6 è un piccolo cortile pieno di gallerie di dimensioni modeste, che ospitano diverse mostre all’anno. Alla Galleria Monopoli trovo il lavoro di Isabella e Giulio, a cura di Arianna Baldoni. Il gallerista (il signor Pietro Monopoli) spiega che questa è una mostra site specific (creata appositamente per questa galleria) ed è ‘fatta a due mani’. Ciò significa che un artista realizza un lavoro, lo porta nel laboratorio degli altri artisti, che poi creano una nuova opera, ispirata o aggiunta al lavoro di altri. Insieme Isabella e Giulio hanno riempito la stanza di dipinti, statue e opere murali viola e rosa. I simboli rosa (un po’ come il graffitismo) sono appesi ai dipinti viola scuro, pieni di colorate pennellate arcobaleno. E’ quasi fiabesco, aspettando che un unicorno salti fuori dal dipinto.

artisti italiani a Milano

Questa mostra è così piccola che puoi vederla in cinque minuti. Che in realtà è fantastico! Adoro il fatto che non devo passare di corsa ‘da opera a opera’ come in alcuni grandi musei, con la paura di perdermi qualcosa. E che ci sia qualcuno che mi spiega tutto con calma: come dovrei vedere queste opere e chi sono questi artisti. Ho tutto il tempo per assimilare ed elaborare. Questa è un’esperienza di “slow-art”.

Se temi che Lambrate sia troppo lontano per soli 5 minuti di “arte lenta”, non preoccuparti! Di fronte alla galleria Monopoli ci sono altre piccole gallerie, tutte aperte nello stesso orario. Unoa ospita l’imponente opera dell’artista emergente di Cape Town, Sud Africa, chiamata Tony Gum (da non perdere questa!). Accanto troviamo qualcosa di completamente diverso di un’artista italiana di 26 anni, Chiara Principe, che ospita qui la sua prima mostra personale. E c’è molto altro da vedere.

Via Ventura 6 è il luogo ideale per scoprire nuovi artisti in arrivo e godersi mostre su piccola scala. Praticamente tutti i galleristi si prendono il tempo necessario per condividere la loro visione e raccontarvi degli artisti, delle mostre che stanno preparando, ecc. Quindi, c’è anche tempo per fare due chiacchiere. Un luogo stimolante, calmo e aperto, dove puoi facilmente saltare da uno stile all’altro. Niente code, niente folla, niente ‘fomo’ (fear of missing out / paura di perdersi qualcosa).

Dopo potresti farti una birra al bar dell’East Market, per completare la tua esperienza slow-art.

Consulta l’articolo di Giulia sull’area di Lambrate per informazioni sul quartiere e sull’arte che trovi all’esterno! Vai!

artisti italiani a Milano

All images © 2018 Pietro Dipace