Menu & Search
Fòla, la prima pasticceria a Nolo

Fòla, la prima pasticceria a Nolo

Non offendetevi, cari Italiani. Ma se mi obbligassero a scegliere, a colazione prenderei un croissant francese e non una brioche italiana. Sarà perché sono nata nel paese in cui si mette il burro ovunque. O magari perché sono golosa. E per questo che sono contentissima che abbia aperto Fòla, la prima pasticceria a Nolo che soddisfa le esigenze della prima parte della mia giornata. 

Fòla
Via Varanini 12 
Ma – Sa | h8.00 – h18.30

Sito | Facebook | Instagram

fola pasticceria nolo

Un po’ di magia per creare un unico posto

Tine è belga ma è qui in Italia da una vita. Claudia invece si è spostata di pochi chilometri (viene dalla Bergamasca), ma in pochi mesi si è trasformata in una bravissima barista. Luna è cresciuta con riso e spaghetti – come dice il suo account instagram – e utilizza la sua conoscenza nella cucina italiana e filippina per preparare piatti buonissimi, sani e gustosi. Ecco quindi le tre ragazze simpaticissime che hanno fondato Fòla, la prima (e secondo me la migliore) pasticceria a NoLo. 

Ops! Sono di parte, perché chiamarla pasticceria è troppo limitante. Fòla è molto di più. Come dice l’insegna, Fòla è anche gastronomia e bottega di quartiere. Ogni giorno Luna prepara dei piatti buonissimi, con una base vegetale di verdure freschissime, di stagione e più o meno a chilometro zero. I piatti si possono mangiare nel locale, come abbiamo fatto noi, o portarli a casa o in ufficio. Nella parte della bottega trovi marmellate, creme e biscotti, tutti fatti in casa e ideali da regalare ai tuoi cari o a te stesso.

fola pasticceria nolo

Fòla, quello che mancava a Nolo

È da qualche anno che si parla di Nolo, sembra diventato il quartiere più di moda di Milano. I locali per fare aperitivo non mancano, ci trovi una fiorista, la Martesana per le attività sportive o le passeggiate della domenica, un mercato che si sta riattivando e dei posti sociali e culturali aperti a tutti. Puoi leggere tutto nella guida al quartiere Nolo e Turro. Ma una vera e propria pasticceria come Fòla, mancava. E quindi già hanno guadagnato tanti punti per aver avuto questa meravigliosa idea di aprire il locale proprio nel cuore di Nolo. Ma Fòla, cosa vuol dire? 

Ci sono due significati della parola, che qui condivido volentieri:

Fòla [lat. fabŭla: v. favola1] – Favola, fiaba, invenzione o immaginazione fantastica.

Fòl, fòla – dal sostantivo piemontese “folairà”, sciocco/a, folle.

Il progetto ha due prospettive: da un lato vuole offrire piatti sani, realizzati con verdure e ingredienti locali. Quindi Fòla è molto ‘green’. Ma Fòla soddisfa anche i ‘guilty pleasures’, le abitudini un po’ meno sane, ma sicuramente non meno buone! E così si bilancia tutto!

fola pasticceria nolo
fola pasticceria nolo

Cinque ‘regole’ per vivere la magia di Fòla al meglio

Ok, arriviamo al punto. O meglio, a una piccola guida di istruzione per vivere al meglio il locale. 

1. Arriva con lo stomaco vuoto.
Non vergognarti di prendere un bis a colazione. I croissant e gli altri prodotti da pasticceria sono così buoni, che meritano di essere mangiati a multipli di due…

2. Prenditi del tempo. 
Per goderti un momento di relax. Il team di Fòla è super accogliente e cerca di coccolarti. Non importa se vieni solo per un caffè o per un pranzo completo. E se trovano il tempo, si fermano anche volentieri al tuo tavolo per fare due chiacchiere e chiedere il tuo feedback. Se ne hai voglia, ovviamente.

3. Scegliere non è necessario.
Se hai difficoltà a scegliere quali piatti mangiare a pranzo, c’è la possibilità di fare mezze porzioni. In pratica, se siete in quattro, potete quindi degustare più o meno tutto quello che c’è sul menù del giorno. 

4. Non sentirti in colpa.
Tutto quello che si trova da Fòla è fatto da o in collaborazione con artigiani e produttori (super)locali. Studio Carta ha fatto il design per il locale, mentre i fiori sono stati composti da Bici & Radici in Piazza Morbegno. Le divise dall’Atelier M-M e le cornici realizzate da Marta Netti. Il vino viene selezionato da Lu-Mieru e le verdure vengono dall’Azienda agricola biologica Corbari. Quindi, oltre a goderti qualcosa di buono, sosterrai anche produttori e artigiani locali. 

5. Torna spesso.
Eh si, perché da Fòla il menu cambia ogni giorno, in base alla stagione e all’offerta dei fornitori. E sicuramente le ragazze continueranno a sperimentare con prodotti nuovi per sorprenderti ogni volta con quello che riescono a preparare 🙂 


All images 2021©  Inge de Boer